PELLEGRINAGGIO AD ORTONA SULLE ORME DI S. BRIGIDA

A LUOGOTENENZA PER L’ITALIA MERIDIONALE VA IN PELLEGRINAGGIO AD ORTONA (PE) DOMENICA 29 GENNAIO 2012
Inizia da quest’anno una serie di pellegrinaggi organizzati dalla Luogotenenza per l’Italia Meridionale “sulle Orme di Santa Brigida ai Santuari degli Apostoli nel Sud – Italia”, con l’essenziale contributo della Delegazione di Foggia-Lucera.
Si inizierà Domenica 29 gennaio, con un bel pullman di oltre 50 persone, verso ORTONA (PE) dove riposano le spoglie mortali di San Tommaso Apostolo.
Già in occasione della Festa di San Tommaso questo sito dette notizia (v. sezione articoli) di quanto accadde lì nei pressi della tomba del Santo; di come cioè il Signore riferì a S. Brigida la certezza che, così come a Roma ci sono le reliquie dei SS. Pietro e Paolo, in Ortona ci sono quelle dell’Apostolo Tommaso.
Non solo, ma, dagli atti del processo di canonizzazione della Santa Ns. Fondatrice, si ricava che, mentre era prostrata in preghiera dinanzi a quella tomba, senza che si fosse creato alcun foro o varco nella copertura, da lì partì verso Brigida l’osso di un dito, che Lei stessa conservò gelosamente e devotamente e che ora trovasi in Roma nella Basilica di S. Croce di Gerusalemme esposto alla venerazione dei fedeli.
Fu quel dito che Tommaso avrebbe voluto porre nel Costato di Gesù Risorto e nei fori delle Mani e dei Piedi. E quando Gesù lo invitò a farlo, Lui esclamò quella bellissima espressione, ancora oggi devozionalmente ripetuta da tanti di noi, specialmente durante la Consacrazione Eucaristica: “Mio Signore e mio Dio”.
Andremo dunque con questa certezza e con la dovuta umiltà a pregare su quelle Reliquie, ben sapendo che la nostra fede vacilla ad ogni istante.
Chiederemo quindi a San Tommaso di rafforzare la nostra fede e di concederla in dono a quanti non l’hanno o l’hanno perduta.

RESOCONTO PELLEGRINAGGIO

Come preannunciato Domenica 29 gennaio 2012 si è svolto ad ORTONA (Ch) il Pellegrinaggio organizzato dalla Luogotenenza per l’Italia Meridionale sulle Orme di Santa Brigida di Svezia alla Tomba di San TOMMASO APOSTOLO.
Con la guida spirituale di Mons. Giovanni Pinto, Presidente del Capitolo Cattedrale di Lucera; condotti dal Luogotenente per l’Italia Meridionale, un folto gruppo di Cavalieri e Dame ha portato in Ortona ben 52 pellegrini sulla Tomba di San Tommaso Apostolo che è custodita nella Cripta della Cattedrale di Ortona, dove ben due volte di recò Santa Brigida di Svezia.
Lì in preghiera ottenne dal Signore la conferma che quelle erano proprio le ossa del Santo Apostolo e, alla presenza della figlia S. Caterina, ricevette miracolosamente in dono un “dito” dell’Apostolo, che oggi è custodito nella Basilica di S. Croce in Gerusalemme a Roma.

Accolti dal V. Parroco Padre Joseph, i pellegrini hanno prima visitato il magnifico Museo Diocesano, ricco di testimonianze storiche sulla presenza di S. Tommaso in Ortona; poi hanno partecipato alla Celebrazione Eucaristica, presieduta, proprio sull’Urna di San Tommaso, da Mons. Pinto.
E’ stata un’emozione davvero estasiante, pregare lì dove secoli fa pregò Santa Brigida, per ottenere dall’Apostolo incredulo, il dono del rafforzamento della Fede.
Di seguito, dopo un frugale ma sfizioso pranzo comunitario, il gruppo è sceso nuovamente in Cripta per recitare e rinnovare la Professione di Fede alla SS. Trinità, a S. Brigida ed all’Ordine.
Quindi si son recati a visitare nell’Oratorio di S. Caterina, un’altra bellissima ed inaspettata chicca, di cui si ignorava persino l’esistenza: il Miracolo del Sangue sgorgato dal Costato di Gesù rappresentato in un affresco del 1500.
Da un Crocefisso dipinto su di una parete dell’antico convento delle Suore Cistercensi, durante l’invasione dei turchi (sconfitti a Malta), alle preghiere delle monache, sgorgò sangue vivo dalla piaga del Costato. Quel Sangue fu raccolto in due ampolle, delle quali una è conservata in Venezia e l’altra finalmente ad Ortona. Dopo aver seguito la narrazione storica del Miracolo, i pellegrini hanno potuto adorare il Sangue di Cristo, riceverne la benedizione e baciarne l’ampolla, con grande devozione.
E’ stata questa un’esperienza toccante e fortemente emozionante, pur nella sua semplicità; della quale ultima, però, nonostante i numerosi scatti della macchina fotografica, non si sa come non è rimasta traccia sulla scheda magnetica, pur ampiamente capiente! Forse perché quel ricordo dovrà rimanere personale e solo nel cuore di ciascuno.
La Luogotenenza, vista la riuscita dell’evento, si ripromette di organizzare altri pellegrinaggi seguendo le tappe, segnate qui nell’Italia Meridionale, dalla nostra Madre Fondatrice Brigida.
Lo scorso anno infatti siamo stati ben due volte a Monte S. Angelo; ora ad Ortona; quanto prima saremo in Benevento da San Bartolomeo, per poi recarci in Amalfi da Sant’Andrea, in Salerno da San Matteo, a Bari da San Nicola, quindi a Roma nella cella di Santa Brigida.
Un grande plauso va alla Delegazione di Foggia-Lucera, guidata dal Comm. Avv. Ettore Preziuso, che ha ben organizzato il viaggio nei minimi particolari, come ben potrà vedersi nelle foto dell’evento in Gallery, nonchè ai Cerimonieri e Tesorieri di Sezione, Comm. G. Nassisi e Comm. D. Nasillo; nonchè della Delegazione, Cav. Arch. R. Paiano e Cav. Dr. A. De Luca. A tutti il grazie di cuore e… alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.